quadri da lontano

agosto 2, 2010

qual è la genialità degli impressionisti?! cosa c’è di così grandioso e fantastico nel loro modo di dipingere, di concepire la realtà?! forse che l’importante è l’impressione, non il particolare. Caravaggio ci faceva vedere bene il particolare e bene la globalità, come una foto. Gli impressionisti no. Loro ci danno un’idea da vicino, solo allontanandosi, possiamo percepire il disegno, i colori mischiati. I giochi di luce, i volti ignoti. La fantastica miopia che avvolge ogni quadro è qualcosa di stupendo. Come a dire “non guardare da vicino, allontanati, goditi questo quadro, come un paesaggio.”

così è la vita. Giorno dopo giorno non ti rendi conto dell’immagine che stai dipingendo. i colori si ammassano l’uno sull’altro, anzi da vicino ti sembrano pure messi male, senza che capisci come correggere, come farla diventare reale. Poi però arriva un attimo di pausa, di stop, hai tempo, ti allontani e capisci quell’immagine. Ti è chiaro il progetto, vedi dove c’è stata l’evoluzione. Capisci che tutto torna. come sempre. Però, però non sai dove sia la chiave di lettura del quadro. E’ solo l’impressione che conta e che a freddo, da lontano ti fa capire che era giusta.

partire per un lungo viaggio. però per la prima volta sereno. per la prima volta sapendo cosa vai a fare. che poi in realtà non è nemmeno così, ci sono delle incognite che ti rendono inpensabile e infattibile la previsione certa. Forse è questo lo spirito giusto del viaggio, se dipendesse da me non mi fermeri mai! andrei dovunque a patto di viaggiare, di conoscere nuovi mondi, vedere nuovi paesaggi. E non immortalare tutto con una foto, ma con un bel respiro. A sentirle dentro quelle emozioni, per sempre.

“…vent’anni biondo mai una lira…”

Annunci

io mi ricordo quattro squadre

luglio 2, 2009

la notte prima di Vinadio... fa impresisone dover restare qua! non essere sul pullman seduto a fare stare zitti i ragazzi o a fare casino ed essere zittitio! Fa impressione pensare di non avere più squadre da gestire, camere da far pulire a tutti, scenette da scrivere. Basta giochi, basta litigate e tensioni, basta squadre. Essere dall’altra parte della barricata, ma così è triste! E’ solo cambiare punto di vista, maturare… non possiamo essere sempre bambini, anche se forse tutti lo vorremmo! Però è anche bello così, perchè anche questo cambiamento è fondamentale, importante! E chi ci è già passato mi ha dato molto, sia da un lato, che dall’altro.

quello che mi fa più impressione è che gli ultimi anni li ho sempre passati di corsa a finire tutto, perchè domani si staccava! basta, quel che era fatto era fatto! oggi no, e forse questo che mi fa più impressione, ma si cresce anche così, facendo scelte a volte che ti fanno star male, ma che sai che sono giuste… altro non si può fare! E così andando a dormire oggi ripenso a tutti voi che mi avete dato qualcosa in questi nove anni vi ringrazio. E capisco che ora è arrivato il mio momento di avere la possibilità di lasciare qualcosa a chi questa esperienza già l’ha vissuta o inizia ora.

“…le stelle della mia sera sono mie…”


favole sonore

dicembre 25, 2008

Eccoci qua. E un altro Natale è passato, si è portato con sè tutti i suoi problemi, regali e pensieri. Ora si torna a vivere nel limbo delle vacanze. Di quei giorni che sanno di poco… che staccano tanto dalla vita frenetica di tutti i giorni. Perchè li possiamo riempire come vogliamo: di neve e di sci, di libri e tisane calde, di studio, di amici, di film… ma l’importante è non abituarsi; e a viverli come un’eccezione.

Oggi casualmente su rai uno mi sono messo a guardare Pierino e il lupo” la favola musicale di Prokofiev. Era da una vita che non l’ascoltavo, che bella. Tutti quei suoni e quegli strumenti mi hanno fatto venire in mente l’infanzia, quando ero piccolissimo e avevo la cassetta del cartone animato, con le musiche. Che bello… mi sedevo sul divano e con qualcuno affianco guardavo e ascoltavo…

E’ che a volte i ricordi sono dentro di noi, ma non li lasciamo uscire. O perchè non vogliamo, o perchè possono farci male, oppure perchè li abbiamo sommersi con tante altre cose(a volte anche inutili). E così ci basta poco per togliere il velo di polvere e tornare a vedere la chiara immagine, ormai invecchaita del nostro passato remoto.

Non era ascoltare, ma guardare dentro a quelle fontane. Non era mangiare, ma sentire la morbidezza di quell’impasto. E’ che a volte siamo troppo presi dal voler ottenere un risultato che ci scordiamo di godere dei piccoli momenti annessi. Che forse in un regalo c’è molto di più di quello che sembra, ma agli occhi di chi!? perchè tra donatore e ricevente spesso c’è un tacito assenso e un patto segreto che sa portare con sè tutto il simbolismo e la ritualità dei gesti semplcii, ma importanti.

Buonanotte… spero che questo Natale, possa far rinascere in tutti la speranza che si può cambiare, rinascere, ricominicare… perchè è così! il primo passo è crederci!

“…one thing I can tell you is you got to be free…”


a Natale puoi

dicembre 21, 2008

sapete personalmente amo il Natale, il fatto che si possa avere l’occasione di fare un regalo! perchè farne uno senza motivo è raro, capita quasi mai. Se c’è l’occasione è un’ulteriore dimostrazione del fatto che teniamo all’altro. Trovo che sia bello pensare che dietro a un regalo ci sia una scelta, un pensiero, un po’ di tempo. che insomma non sia un gioco. Che sia qualcosa di ponderato. E’ bellissimo, soprattuto quando vedi l’altro che rimane sorpreso dal tuo regalo,che stupito e quando, tempo dopo lo usa!

ma il Natale lo odio anche. Tutta l’ipocrisia che c’è dietro. Tutti i falsi auguri che ci facciamo, le rimapatriate forzate. I gesti che sono inutili, i regali obbligati. Odio vedere una persona una votla all’anno e stare fermo ore a parlare del nulla, del vuoto e a far finta di essere legato. A non poter dire “che cretino che sei”. PErchè Natale avvicina tutti, chiunque si sente in dovere nei confronti dell’altro, ma in senso negativo. Sentirsi in dovere di fare un regalo è una cosa brutta, am inevitabile, perchè se no si rischia di incrinare qualcosa.

C’erano tanti libri, romanzi, saggi, di fotografie, fumetti… ed ero perso a guardarli. uno a uno. Scorrevano sulle mie lenti un po’ sporche. E i titoli mi passavano per la testa come dei titoli di coda, che non ci fai quasi caso. Poi alzo gli occhi, un paio di gambe e uno sgaurdo, che strano. non avrei mai detto che l’avrei torvata quella risposta, quella domanda, ma anche quella certezza. Era tutta in quello sguardo da pochi secondi. che fai quasi fatica a reggere.

vorrei andare via da questa vita, diceva quel ragazzo. Fuggire e non tornare mai più! E così era semrpe insoddisfatto della sua esistenza, del suo stato. Ma non si rendeva conto di quello che aveva. Del fatto che anche altri non hanno quello che lui odia, ma loro non per scelta. E così finiamo a rimpiangere il nulla, a essere tristi per niente. E a non apprezzare i piccoli gesti degli altri, che ci riscaldano le giornate.

“…niente paura, ci pensa la vita…”


Di partenza per l’Irlanda

agosto 9, 2008

Eccomi di partenza… che strana sensazione! Già perchè è in bilico tra la felicità e la curiosità di visitare un nuovo paese, ma allo stesso tempo ho anche un po’ di paura! Paura di non farcela, di non essere in grado a sopravvivere… non so! E’ che spesso l’ignoto mi fa paura… è una sfida da affrontare, e non è mai facile! Però non mi sento solo lungo questo cammino di soli 15 giorni.

Lo so che sembra stupido quello che ho detto, come posso sentirmi così? beh, però è così… non voglio deprimermi ancora prima, non voglio chiudermi poi lassù, perchè non vivrei appieno quei giorni che mai più torneranno!!

E’ come un sentiero, pieno di piccoli ostacoli…il paesaggio che si ammira lungo il cammino è, però, stupendo, e se ci si concentra troppo sugli ostacoli poi si finisce per trovarlo un peso! Potrò dire di avercela fatta solo quando avrò toccato terra a Bergamo… già, perchè allora, come anni fa… mi sarò reso conto se questa vacanza è stata una vittoria, una nuova scoperta giorno dopo giorno

Penso che l’importante è non sentirsi mai soli e abbandonati, perchè non è così… qualcuno che ci pensa c’è sempre!

“…una canzone vecchia di cent’anni o più…”


Vinadio 2007…

luglio 21, 2007
 Stagioni nel sole…
 
cari lettori del mio blog…eccomi qua tornato anche quest’anno da Vinadio..sono tornato addirittura prima per la frbbre e perchè non ero proprio in forma!!comunque sono stati dei giorni di campeggio unici e indimenticabili!! che hanno lasciato un grande segno in tutti noi….e ora inizaimo con un’analisi di questi giorni passati assieme.
le suqadre:
 
a contendersi il campeggio quest’anno c’erano 4 squadre che, alla fine si sono classificate così: 1° Blu – 2° Rossi – 3° Verdi – 4° Gialli
ora passiamo a una breve analisi delle altre 3 squadre e infine la mia…i rossi…
i blu, giudati da capitan Filini sono riusciti ad agguantare un primo posto per 7 punti! squadrone agguerrito con molti elementi validi…tra i vari ricordiamo Foffa, Marco, Anarchyman, Claudio(anche se infortunato) Leo e poi Bob!!il settore maschile è chiuso…poi ora per quello femminile ci sono Manu, Berna (che ha subito un infortunio in basket umano ed è andata a Cuneo…chiedete a Berta per gli aneddoti), Sara, Marta, Fra, Susanna…squadra un po’ troppo polemica ma che nonostante le penalità ha saputo arrivare prima..testa a testa coi rossi
i verdi, guidati da Marianna, affiancata in seguito dal Brambi e da Cri… squadra molto forte fisicamente vantava tra i suoi componenti Antonio, Paolo, Depa, Lollo(ciaoooo!!!e scusa se non ti avevo messo)…poi anche Miriam, Alessia, Giulia, Elena…in lotta per il primo posto verso gli ultimi giorni, per pasticci arbitrali si sono trovati sbattuti fuori dalla corsa “scudetto”…
I gialli… l’armata Brancaleone, Con a capo… John FitzGerard e Bonoma…guidavano una squadra composta da Aste, Budda, Titti, Valentina, Ciccio, Frank, Elisa, Nicol e Alessia….ottimi membri ma pochi risultati…ultimi, ma non importa ragazzi!!è stato un bel campegio anche grazie a voi…(scherzo…è una battuta, nessuno se la prenda)
e ora i rossi:
“Giochi sul piazzale, battervi e banale
coi rossi non si scherza e il rosso sa spaccare.
 
Sai cosa c’è, ci sono i rossi qui a Vinadio e giocan assiem
se non si ferman c’è un perchè…perchè vinciamo assiem
 
parappappa parappapa….
 
perchè vinciamo assieme.”
 
Nicolò ” l’assessore “
Luca “il velocista”
Giulia “il gatto cn gli stivali”
Pietro “il pessimista”
Greta ” la tattica”
Tiziano “il casalingo”
Ginevra “qll alla moda”
Lidia “l’estroversa, ma simpatica…”
Matte “puff…”
Cri ” La voce”
Gustavo ” l’incitatore”
Stefano “la recluta”
Michele “l’essenzialista”
Iacopo “l’uomo di sfondamento”
Dave “il gigante buono”
Marco “il penalty man, nonchè l’uomo dei giochi”
Anna “la coordinatrice”
Marzia “la motivatrice”
Luca “capitano oh, mio capitano…”
Le scenette di gruppo:
 
Il repertorio quest’anno è stato molto vasto!
si passava da “i simpson” dei Sole…al “gatto con gli stivali” degli Arcobaleno…poi “Shrek” dei Luce e infine il “Gladiatore” dei Gibì!!!ognuna  a modo suo ha fatto ridere…come sempre ci hanno saputo regalare bei momenti di risate, in cui stare assieme e sorridere…
la nostra scenetta, con un Gerard romanesco…ci ha aiutato tutti a legare e alla fine è ventua bene!sopra ogni aspettativa!le prove sono state esilaranti…la regia di Filins non riusciva a radunare sempre tutti gli attori e poi noi sempre a far casino…poi il meglio era Gerard quando improvvisava!!allungava di qualche minuto solo a insulti…poi come non ricordare la mia tintarella di tempera nera in faccia..troppo divertente, ma anche un casino da togliere… (“Ah Yuba, mò stiamo con le pezze ar culo…)
A differenza degli anni passati quest’anno il gruppo Luce, non ci ha proposto la solita tonnara di attori, tutti in scena…ma una scenetta, ben fatta…e molto originale…Shrek…c’è stata anche una piccola rielaborazione in corso d’opera, nella camerata maschile…ma è ventua bene…( l’araldo Orcodio, e l’orco Diaz).
I sole quest’anno si sono cimentati da soli nella realizzazione della loro scenetta: “I Simpson”. molto ben riuscita, con qualche piccolo problema di scena…come il capitombolo di Nicol, ma veramente divertente…sopratutto per la storia, anche se coi Simpson centrava poco…il tutto era spassosissimo….bravi ( “un gruppo di punk importunava Lisa”…punk invece di tamarri…e lo stesso di punk non c’era nulla)
Gli arcobaleno ci hanno proposto un Gatto con gli stivali…molto divertente e pieno di mille idee carine…complimenti!!!
Last and least(ihihih) gli animatori hanno proposto la sagra delle barzellette improponibili…solo che, per salvare un minimo la faccia c’hanno sbattuto dentro fruttolo…il nano Sosia-Pappa…divertente, unica pecca la banalità di certe barzellette…in poche veramente si salvavano..quella di Livorno però dominava su tutte…. vorrei prorporre, come è uscito dal gruppo sole di poter gavettonare fruttolo il prossimo anno…non sarebbe male…ihihihi
I Giochi indimenticabili:
 Nel palmares di giochi unici e indimenticabili quest’anno fanno parte tutti i giochi del sabato, quelli con l’animatore: ringrazio Gabbo(palloncimano), Matte(Castelli), Eli(Stratega), Pappa(Palla re) e infine Omar(Palla meta)!!
poi bisogna anche ricordare il grande gioco da 2 giorni che ci ha condannato all’ultimo posto, ma con la prova di maturità ci ha fatto prorpio divertire…Grazie Matte e grazie Dave…è stato fantastico, mi sono troppo divertito e siamo anche arrivati primi a quel gioco!!!
poi bellissimo anche il “Boschetto dei Folletti” alias Foreste!!!senza feriti o contusi, ma tante botte in faccia….
Un gioco improponibile è stato quello delle Olimpiadi…non perchè io e l’alteltica non andiamo molto d’accordo, ma semplicemente perchè ho dovuto alzare Fabio…e vi assicro che non è stato affatto bello, soprattutto per la mia schiena…dopo ci è voluto un bel Voltaren!!!
come non ricordare Rugby(con Variante Mariel, ovvero con lo scalpo)…gioco bellissimo perchè noi in pochissimi, campo grande e un po’ di fisico da buttar giù…veramente bello…l’unica pecca è che la squadra dei grandi non era al completo, da noi mancava Marzia, che ha dovuto giocare coi piccoli…un vero peccato…ci sei mancata…
La vita in camerata:
 Quest’anno ci è toccato il lato della fontana!! assieme ai Sole e a un residuo di Arcobaleno!! nella prima stanza ci stavano i Sole e dopo gli Arcobaleno più qualche Sole…e poi nell’ultima stanza, quella da 4…quella piccola! eravamo io, Filins, Gerry, Bob e poi si è aggiunto per terra su un materasso sposatato il Brambi…
perciò eravamo in 5 in una camera da si e no una persona e mezza…ma il bello di questa stanza è che non è stata mai pulita se non l’ultimo giorno…una figata pazzesca…ordine reganva sovrano! non abbiamo preso nulla… era però un focolaio di ogni malattia e batterio immaginabile!
Poi grazie alla precisa mira di Filins il pavimento aveva un retrogusto di tè in povlere… la convivenza coi più piccoli non è stata traumatica, anzi si è vissuti tranquilli, a parte qualche exploit(si pensi alla notte dello scherzo o  all’ultima sera…).
L’onore di sbattere i fanciulli a dormire toccava a me, come del resto quello di svegliarli, ma qui si può essere un po’ sadici e con le sveglie dell’esercito era anche divertente! Per il resto nessun aneddoto degno di nota, a parte che per una settimana abbiamo avuto i bagni del Patio, con le luci a intermittenza ti massacravano…ma nella norma!
Altri bei momenti
C’è stata poi la passeggiata, magnifica…tutto il giro dei 7 laghi, panorami mozzafiato…unici…troppo divertenti, poi assieme ad amici, a divertirci a far casino a discutere degli argomenti più assurdi…vero Ste e Manu?? poi che altro…la sosta al lago, dove abbiamo cercato di bagnare Gerard, ma si è rifiutato e ha lottato proprio come un cinghiale catturato…ma quante risate…poi anche il ritorno, dove Fabio ha rischiato di doversi rifare la strada al contrario perchè aveva perso orologio e braccialetto…ma per fortuna Bernardina ha recuperato tutto…
Cm non ricordare gli interminabili partitoni di pallavolo..i maxi tornei della domenica, soprattuto la prima, quando abbiamo conosciuto la disponibilità delle persone a far giocare dei “poveri bambini”…morale della favola, Lollo è arrogante, e Maio diplomatico e tranquillo… le sassate che abbiamo tirato sui cofani della macchina(e qui bisogna ricordare Manu, che ha scambiato il gioco per il calcio, ha calciato la palla sparandola in orbita…nessun danno alle macchine, ma per poco…)
Ci sono state anche quest’anno le pulizie…esilaranti e divertenti come al solito…i bei momenti in cui si ride e ci si diverte tutta la squadra assieme!E qui bisogna d’obbligo ricordare le pulizie di una domenica mattina, degenerate poi a secchiate d’acqua!!ihihih
Quest’anno poi il ritiro per noi Gibì era strutturato a forma di Deserto…tutto il dì da soli, lontani da tutti con i fogli per le riflessioni e tanta natura e bel tempo che ci potessero aiutare…sono stato proprio felice di aver vissuto questa esperienza…è stata feconda e piena di bei momenti, bei ricordi e nuove idee…insomma ha saputo darmi la marcia in più…
Poi cm sempre c’è stata l’animazione! veramente stimolante quest’anno, sopratutto bella quella sui vangeli e sul libro del Cardinal Martini… da ricordare qui la discussione sull’onniscenza di Dio e il commento di Filini sulla parabola delle tende eterne..(“Certo che Gesù non l’hanno capito, usava parabole di merda cm questa…” quante risate…ihihih). Ma alla fine siamo giunti all’unica vera conclusione, che per capire realmente il Vangelo serve la chiave del 15, vero Gerry e Brambi?..ihihihi
Come non parlare del gioco notturno, “contrabbandieri e guardie”…è stato il massacro, peggio di foreste!! feriti, contusi, gente che stava veramente male, botte allucinanti!! e tutto per un gioco non a punti…
Infine c’è stato il falò, momento culminante di tutto il campeggio…il fuoco è sempre bello, da osservare in silenzio, da contemplare! stare lì in silenzio aiuta a rivivere tutti i bei momenti vissuti assieme e a godere appieno di ciò che si sta provando lassù, vicino a Las Vegas…tutto ti avvolge sei un tutt’uno con la fiamma che sale…l’unica cosa che percepisci e che sei circondato da amici e persone uniche a cui tieni veramente e a  cui vuoi bene! la fiamma si alza sempre di più, partono poi i fuochi e poi tutto si conclude con la buonanotte degli animatori…che spettacolo…
In terza settimana le cose purtroppo non sono andate bene..già il giorno della partenza mi sono beccato la febbre, tutto il 20 a letto e il 21 decido di scendere…non sono stati giorni sprecati però..là, da solo nel letto ho avuto tempo di riflettere, meditare e pensare…fare un po’ il punto della situazione…e poi ringrazio tutti quelli che mi sono stati vicini, nonostante tutto…grazie amici…senza di voi…
=============================
Anche questo Vinadio se n’è andato, ha lasciato vive dentro ognuno di noi delle piccole fiamme di amicizia o ne ha alimentate altre… l’importante è aver vissuto questi giorni assieme senza alcun rimpianto…ma solo vivendo ogni giorno che il Signore ci dava e che sfuggiva veloce al 100%!! 15 giorni durante l’anno sono eterni! ma d’estate con gli amici…beh volano…lasciarsi indietro qualcosa è sprecare il tempo…buttare via, usare male questi giorni è da stupidi! sono proprio contento di come sono andate queste 2 settimane…ho potuto conoscere meglio persone che prima magari conoscevo meno….Manu, Marzia, Anna, Dave, Matte, Titty, Berna, Gustavo, Marco….e poi grazie anche a tutti gli animatori…senza di loro, nonostante tt i problemi che ci sn stat, sarebb stat impossibil ciò…
“se è veramente ciò che vuoi allora non lasciarla scappare….”a volte rischiamo di rimandare sempre a domani le scelte di oggi, e poi ci accorgiamo che sono scelte perse…che non hanno più alcun senso! a volte serve un po’ di coraggio, bisogna mettersi in gioco, farsi venire lo stomaco piccolo e avere un po’ di paura di perdere…ma poi ciò che si trova dopo è di sicuro pace e poi anche tanto altro…tante nuove persone a cui si tiene tanto!! Vinadio sono solo 15 giorni…ma sono anche il coronamento di un’anno vissuto con amici e passato faticare! trovare il tempo di fermarsi e sentire ciò che porta il vento…è sempre bello… sopratutto perchè quest’anno il vento ha saputo portarmi coraggio e fede… 
=============================
grazie amici…grazie a tutti…Vinadio è ciò che è solo grazie a voi…alla vostra unicità e al vostro sorriso…se non ci foste voi tutto sarebbe perso e vuoto… aspettando il prossimo anno…pronti a viviere appieno ogni giorno che ci viene dato…ciaooooo
e ora Spazio ai vostri commenti…

Vacanze di natale

dicembre 22, 2006
 Basta, è finita! La suola per questo 2006 ha chiuso i battenti(finalmente)!!beh sapete sono troppo contetno!!!finalmente
un po’ di riposo, si dorme e…svacco puro! Tre giorni vado su in montagna da Filini(e la devasteremo). In questo periodo di vacanze finalmente ho tempo di dedicarmi un po’ a questo povero blog, che ho trasurato per tanto tempo! Cercherò di aggiustarlo al meglio!
….continua….