dove rivolgere lo sguardo

gennaio 12, 2014

tratta da flickr.com dall’album di ” wordscraft”

quando sono di corsa, che sto lavorando e faticando – per quanto ti possa piacere quello che sto facendo – un pensiero va sempre nella direzione “ora vorrei solo non essere qui”. in tanti anni passati tra i banchi il mio pensiero andava sempre fuori dalla finestra, mi immaginavo seduto a fare colazione in un bar, all’aperto aria fresca, poca gente in giro e il tempo che passava. col tempo ti rendi conto che quando ne hai poi l’occasione quell’emozione non è come te la immaginavi, non così potente, non quanto il desiderio.

se ci ripenso non so davvero come abbia fatto. certo la tattica allora è stata fondamentale. resistere. era da troppo tempo che non provavo addosso quelle sensazioni, erano solo lontani ricordi, miti del passato addirittura. no. qualcosa potrà rivivere, altro sarà solo un frammento di ciò che è stato. devo però capire e puntare a quello che mi aspetta, al nuovo, al domani.

le brutte notizie dalle di giorno, se puoi. tanto più le tue scelte saranno forti e durature, tanto più avranno valore. il resto è solo nebbia attorno. sguardi lontani. e la paura più grande che ci ronza sempre in testa, l’oblio.

“…che il mondo è bello e ci credeva…”

Annunci

godersi un momento

agosto 1, 2011

tratta da flickr.com dall'album di "paolobalestra"

è un po’ che non scrivo. sono successe tante cose che mi hanno tenuto lontano, fisicamente ed emotivamente. arriverà il giorno in cui le avrò assimilate e traspariranno chiare e limpide.

siamo vittime del nostro passato. passiamo le giornate a provare a capirlo per poter agire bene oggi. quante occasioni perdiamo così? vogliamo sempre quello che non possiamo avere. mentre prepari gli esami vuoi solo un giorno di vacanza, ma appena finisce tutto ti ritrovi in silenzio a capire che poi non è così diverso. preferiamo il passato perchè lo conosciamo. preferiamo sapere quali battaglie dobbiamo combattere, preferiamo sapere chi è il nostro nemico. oggi no. oggi non possiamo.

gustarsi un film da solo capita poche volte, almeno a me. O sono di fretta o sono costretto a guardarlo a pezzi. prendermi una serata e vedermi ‘Jackie Brown’ era qualcosa che non mi capitava da tempo. E’ un momento che ho aspettato per tutto l’anno, posticipandolo sempre e rischiano poi di farlo passare. Ci sono dei momenti che ti vuoi gustare, che riesci a tenerti buoni e che, nonostante le tue aspettative, non ti deludono.

La grande idea ce l’hai poche volte nella tua vita. La grande idea ti arriva da lassù e non necessariamente è qualcosa di strabiliante, semplicemente ti fa cambiare ottica. La grande idea è lontana, ma presto ci arriverai, la devi raggiungere. Il problema è che nessuno di noi sa di cercarla o sa cosa cercare. E’ come una grossa caccia al tesoro, sai che c’è un tesoro, ma non hai indizi, solo brevi tracce e ostacoli da superare.

“…L’utopia è rimasta la gente è cambiata, la risposta ora è più complicata…”