il profumo delle fragole

maggio 30, 2017
5403064074_c8587cc016_b

tratta da flickr.com dall’album di “Michele Ursino”

ci sono dei profumi che ci fanno sorridere. ci sono degli odori che ogni volta che sentiamo ci fanno rivivere qualche momento della nostra vita. la loro semplicità è quello che ce li fa ricordare, ce li fa associare ad istanti che sembrano passati. l’odore delle fragole appena raccolte quando rientri a casa. il frappe alla nocciola. Il profumo della salsa di pomodoro fatta d’estate. La confettura di susine. Le mani che sanno di mandarino dopo che l’hai sbucciato. la pasta al pesto. i cornetti alla marmellata appena sfornati. quando sono nell’aria, per un brevissimo istante, fino a quando li sentiamo come odori nuovi, ecco… è allora che ci sanno strappare un sorriso.

cadiamo dove siamo, non dove vorremmo. e poi ci sono dei giorni in cui riesci a non pensare ai problemi, vedi qualche metro oltre il presente. fai progetti, ci credi davvero. vedi ostacoli e sai che li si possono superare. non hai fretta. non hai ansia. poi ci sono dei giorni in cui ci sembra che sia già un grande traguardo arrivare a sera. in cui ogni nostra azione è sbagliata e non poterà a nulla. giorni in cui vediamo solo gli errori che abbiamo fatto e che ci ostiniamo a fare. per fortuna, per quanto bui, quei giorni passano. quello che possiamo sperare è che non distruggano il lavoro tirato su con pazienza nei giorni in cui una prospettiva ce l’abbiamo.

il pensiero e il ragionamento scritto è qualcosa di meraviglioso. vedere da schizzi e appunti come prende forma un’idea è uno spettacolo incredibilie. vedere dalle agende e dai quaderni come si è evoluto il pensiero, come l’idea si è concretizzata. concetti presenti e vivi, ma sconnessi, si uniscono. organizzare il pensiero nel visualizzarcerlo. saperlo raccontare in maniera semplice. focalizzarsi solo sulle parti importanti. all’inizio è tutto caos. poi ci ragioni, e il tuo pensiero si muove. vedo che all’inzio do importanza a tutto, poi piano piano, andando avanti gli schemi contengono solo l’essenziale, che è radicalemente diverso da quello che era. è l’istantanea del mio ragionamento. è una bellezza immensa.

“…e la tua faccia e l’allegria, ma al bar mi dicono che tu sei sempre appena andato via…”


alla fine, non ora

aprile 30, 2017
3500694900_d67ed92290_z

tratta da flirck.com dall’album di “Alessandro Rampazzo”

sono i piccoli dettagli che restano. alle volte assorbono in sè tutto il ricordo, altre volte lo tengono a galla. però sono le piccolezze a rendere tutto più intenso e parte del nostro passato. Anche durante il diluvio e la tempesta, ci sono delle piccole cose che ci resteranno in mente per come erano semplici, per come erano messe lì.

alla fine, conta quello che abbiamo fatto. alla fine restano solo le nostre azioni. il motivo per cui agiamo è fondamentale però, e ce lo dimentichiamo troppo spesso. un sacco di volte compariamo le azioni in quell’istante, ma quante volte ci diamo del tempo per capire davvero? guardare un passo oltre il nostro orizzonte ci fa ricordare però che dobbiamo pensare anche al domani, vivendo l’oggi e lasciano qualche buon seme e qualcherobusto albero per cosa capiterà domani.

imparare ogni giorno è difficile, ma non impossibile. sta a noi porci con curiosità alle cose che ci capitano. sta a noi non metterle sempre in schemi prefissati, ma scoprirne di nuovi. sta a noi essere curiosi piuttosto che pigri. sta a noi avere pazienza. guardare il mondo ogni giorno con un po’ più di interesse, cercando sempre di vedere cose che ieri ci erano ignote.

“…No place to be ending but somewhere to start…”


una fine. un inizio.

febbraio 24, 2017
10193003074_70a1e07872_b

tratta da flcirk.com dall’album di “Roberto Taddeo”

buio. silenzio. pioggia.

“capitano così ha finito?” “già. non me ne rendo ancora conto: sono stati otto anni e mezzo straordinari”

una maglietta verde. sole.

“nessuno l’avrebbe mai detto, vero?” “all’inizio ero solo uno dei tanti!” “non dica così” “guarda che è vero, solo un bel po’ dopo ce l’ho fatta, perchè ho capito un po’ meglio chi ero. perchè ho cercato di essere il meglio di me, non meglio degli altri”

il cielo azzurro con delle nuvole.

“ho giocato partite che nemmeno immaginavo. ho conosciuto persone stupende. ho visto campi con una loro storia. ho sofferto e faticato. ho giocato contro squadre fortissime, alle volte anche vincendo” “cosa le resterà in fondo?” “le grandi sconfitte e tutte le incredibili vittorie”

ma ora si volta pagina

“ci mancherà lo sa!” “sì. anche voi. non sapete quanto…” (una lacrima…)

“…sono un vecchio sparring partner…”


cambiare per cambiare

gennaio 31, 2017
10444853533_7f2b7acfe2_b

tratta da flickr.com dall’album di “mumucs” 

Vedere orizzonti dove ci sono montagne, sentire musica dove è solo frastuono. Di tutti i giorni trascorsi le persone che più mi ricordo sono quelle che avevano un’idea propria, un parere. le persone che sanno cambiare idea ma anche restare salde su certi valori, avere dei pilastri. uno può condividerli o meno, ma quello è un altro discorso.

nella più grande paura del nulla e del buio la sola salvezza è la speranza. ma solo quello non basta, serve anche l’idea che un domani migliore sia possibile. dobbiamo smettere di aspettare il cambiamento per poi cambiare noi, subirlo. adattarci alla situazione che si è creata alle volte è inevitabile, altre volte è solo una scorciatoia. capitano le situazioni improvvise che ci obbligano a lasciare ciò che siamo per qualcos’altro. Altre volte passiamo i giorni nell’attesa che il cambiamento inizi per cambiare noi. non accadrà mai. delle volte le frasi motivazionali  sono ridicole, questa però è meno stupida di quanto sembri “se vuoi cambiare, cambia tu per primo”. perchè il cambiamento, qualunque esso sia deve essere il risultato e non la base di partenza. se ne saremo in grado avremo iniziato un processo inarrestabile. e a guardare indietro in fondo è sempre stato così.

“ora so la data della finale” “un’altra?” “no, questa è diversa. è l’ultima.” (pioggia. buio.)

“…Fiumi, poi campi, poi l’alba era viola…”


Linee e confini

dicembre 18, 2016
16284600145_c41b3f8334

tratta da flickr.com dall’album di “Marco Trovò”

ognuno di noi ha le proprie linee di etica e  di coerenza, e andando avanti con la vita ci capita sempre più spesso di averci a che fare. All’inizio è sempre tutto facile: siamo disposti a perdere qualche occasione o persona per i nostri valori o per la coerenza. Poi però il tempo passa e le occasioni cambiano, innanzitutto diminuiscono e il mondo attorno ci rendere molto più difficile scegliere: sui piatti della bilancia vanno aspettative, decisioni o responsabilità che una volta non c’erano. Perciò molto spesso ci capita di girare attorno a quelle linee: alle volte le superiamo, altre volte stiamo entro i confini. Sta a noi accettare questa debolezza quando andiamo oltre il confine, rendendosi conto a volte che i limiti che ci imponevamo erano troppo stretti o rigidi o senza un senso. Altre volte, invece, scoprendo che quel limite non lo dovevamo passare, perchè purtroppo indietro non si torna(quasi mai).

la nebbia. è il non vedere quello che c’è a distanza ravvicinata. è la paura di sbagliare. è il domani che non sai cosa ti riserva. è la pazienza, vera, che serve. perchè è facile esserlo quando i tempi sono brevi, è facile esserlo quando si sa che poi ce la si farà. ecco, è in quelle altre situazioni che serve davvero la pazienza, quando senti qualcosa che nel profondo ti divora.

“ma come facciamo a lottare? siamo una squadretta!” “ragazzi tra 10 minuti torniamo in campo per l’ultimo tempo, dobbiamo fare un gol per recuperare e uno per vincere.” “non ce la faremo mai…” “era tanto che non sentivo queste parole! no, dobbiamo crederci” “ma con questa pioggia, siamo stanchi e loro sono imbattibili” “allora cosa giochiamo a fare? no, ce la potremo fare solo se noi per primi ci crediamo. ma senza urlarlo e sbandierarlo, crederlo nel nostro cuore. solo da lì potremmo partire”

“…il cielo d’Irlanda è un gregge che pascola in cielo…”

 

 

Leggi il seguito di questo post »


dietro le nostre azioni

ottobre 31, 2016

tartta da flickr.com dall’album di “rohypnol [Francesco Zaia]”

le azioni non sono assolute, le intenzioni contano. spesso mi rendo conto che la stessa azione che faccio avrebbe valori diversi a seconda di quello che ci sta dietro. se non realizziamo questo non riusciremo mai a vedere oltre il nostro vissuto. di fondo, ogni azione che facciamo ha un proprio tornaconto, un egoismo di fondo. un farci stare meglio o almeno non male. poi come questo si manifesta è un altro discorso e ben più complesso. però quando riesci ad avere i migliori propositi le azioni hanno anche esiti migliori.

cosa siamo disposti a perdere? cosa mettiamo in gioco? scegliere è sapere di lasciare per sempre indietro qualcosa o qualcuno. però dobbiamo sempre ricordare e focalizzarci su quello che abbiamo e che siamo. non dobbiamo mai smettere di credere che un domani migliore sia possibile, anche un po’ grazie a noi. scegliere ci permette di dare sfumature e tonalità, di dare un’ordinamento alla nostra vita.

“si rende conto che sta per giocarsi la semifinale da capitano? dopo tanti anni nessuno lo avrebbe mai detto” “lo so, nemmeno io ci avrei creduto” “è che non basta essere determinati e fortunati” “no, serve anche il talento, la capacità di stare in campo” “quella o ce l’hai o nulla però” “non proprio, la devi affinare negli anni. devi imparare a vedere orizzonti dove gli altri vedono montagne chi più chi meno un pochino ce l’abbiamo tutti, solo che non sempre la sappiamo ascoltare”

“…gli occhi dischiuse il vecchio al giorno…”


inavvicinabile

agosto 16, 2016

tartta da flickr.com dall’album di “lighthousenewsus”

domani resteranno le azioni che abbiamo fatto e le scelte che abbiamo preso, non le intenzioni o i desideri. è difficile lasciar qualcosa indietro oppure gettarsi in qualcosa di totalmente nuovo. perdere insomma quei pilastri che ci hanno sempre tenuto in piedi. perchè i mondi nuovi le grandi opportunità sono straordinare, ma anche terribili per tutto il vuoto che va riempito. il domani arriva e si porta via tutto quello che ora c’è, così dobbiamo spingerci a costruire qualcosa di profondo, solido, che guardi al futuro. e così mi interrogo sempre più sepsso su quale sia la mia prospettiva, le mie ambizioni. nebbia.

nel limbo in cui sono mi ritrovo a pensare a momenti passati. più vado indietro e più le sfumatrue si attenuano. mi rendo conto che tanti problemi che avevo, erano solo sciocchezze. che forse ho perso tanto, proprio per paura di perdere tanto. però mi rendo anche conto che serve sempre la giusta distanza quella per cui qualsiasi cosa è insormontabile e nulla è poi così importante. la verità è che a quell’idea che io non riuscivo a capire ci erano arrivati già due persone, da posizioni totalmente diverse. ci vuole una prospettiva nuova.

“capitano, ma se non ce la facessimo?” “tu non farti questa domanda, ora preoccupati solo di riuscire a correre” “non abbiamo la minima possibilità” “forse è vero, ma il punto è che se ti arrendi prima, se nemmeno provi ad imporlo un tuo gioco, giusto o sbagliato che sia, non ha nemmeno senso.” “va bene! ma quella volta che eravate 10 gol sotto?” “ecco, quella volta lì credo che avremmo perso in ogni caso, ma almeno imponendo un nostro gioco, non quello degli altri” “io non ce la faccio!” “stai tranquillo…”

“…tutto quanto si srotola del nostro film da pellicola…”