il limite della forma

febbraio 24, 2015

tratta da flickr,com dall’album di “Alessandro”

ci crea problemi quando la forma non è coerente col suo contenuto. i poveri non sono solo i barboni per strada. i matti non sono solo i pazienti dei reparti di igiene mentale. e non è semplice accettarlo, non è infatti semplice perchè ci mette in crisi su come percepiamo il mondo attorno. andando più nel profondo questo nostro fastidio è una sorta di difesa, cerchiamo infatti di stare lontano dalle persone che all’apparenza possono farci sentire a disagio o proprio male. solo che alle volte rischiamo di perdere il meglio. qualcosa che mai avremmo pensato di poter trovare.

chi siamo oggi, il nostro meglio ora è ciò che è rimasto attraverso i periodi più difficili della nostra vita. ripensandoci ognuno di noi ha passato momenti in cui tutto attorno era buio, sembrava non ci fosse uscita. e invece piano piano un sentiero lo abbiamo trovato e ora siamo più forti perchè quell’ostacolo lo abbiamo superato. a volte fa bene ricordarlo, per darci speranza, un po’. cercate sempre chi sa cos’è la sofferenza, non perchè vi possa aiutare, ma perchè possa capirvi e solo allora aiutarvi.

‘capitano eravate davvero una bella squadra allora…’ ‘sì. sgangherati, strani, ma unici’ ‘non vi avrebbero mai dato una chance all’inizio…’ ‘e nessuno ce la diede infatti’ ‘però avevate qualcosa in più…’ ‘sì, la squadra’ ‘forse è per questo che ce la facevate, alla fine…’ ‘nonostante le difficoltà.  la paura. gli avversari.’ ‘paura?’ ‘sempre…’

“…e sei fantastica quando sei assorta nei tuoi problemi…”

Annunci

impacchettare

gennaio 2, 2011

tratta da flickr.com dall'album di "Incompiuto Siciliano"

in realtà dopo che ti spiegano come va a finire tutto è più chiaro, certo! lo capisce chiunque. Il vero genio è colui che precede i tempi, gli altri. alle volte leggendo lezioni di matematica, mi faccio delle domande, sembrano stupide, il libro ci glissa sopra, poi in realtà capiotli dopo le tratta approfonditamente. il fatto è che è davvero migliore chi si fa la domanda prima. perchè la risposta magari è già in giro, ma se nessuno fa la domanda…

sta alla nostra bravura vendere la verità, ciò che è per noi il nostro mondo, le nostre ragioni. troppo spesso non è importante il contentuo ma come lo presenti, la forma. Il fatto è che poi veniamo istruiti a non curarla, e anche la froma ha bisongo di una sua attenzione, che sia per conformarsi o peresprimere davvero quel concetto, se si pensa solo al regalo e non al pacchetto qualcosa comunque si trasmette. sta a noi parlare anche attraverso i fatti e coi fatti.

non sono stanco, ma mi devo attrezzare per resistere. mi devo preparare per la grande maratona. il fatto è che ci vuole preparazione fisica e mentale. saper reistere nel tempo e nello sforzo. non è la corsa di 42 km, sono le batterie degli 800m, media distanza tanto sforzo e tante volte. ecco, il fatto è che risulta difficile resitere nelle finali, daje…

“… Fellas, I’m ready to get up and do my thing…”


anima a nudo

gennaio 8, 2009

vi siete mai trovati in situazioni che anche solo un mese prima non avreste mai e poi mai detto?! cioè che tutto si capovolge. Che quello che andava storto, ha cambiato tendenza, senza un vero e proprio perchè. E così ci troviamo a essere felici, non perchè tutto va bene, perchè non è così; non perchè le cose sono come vorremmo noi, quello non lo sono mai! Ma perchè c’è speranza, si migliora… le cose a volte prendono una brutta piega per poi tornare dritte. E’ solo questione di tempo.

E che spesso la neve mette a nudo quello che siamo. La nostra abilità nel saper gestire le singole situazioni, a essere elastici. E che camminando sui marciapiedi ghiacciati oggi pensavo come la gente tende a conformarsi, a fare di tutto una tragedia! A lamentarsi sempre: piove ed è una disgrazia; non cade acqua e siamo spacciati. E’ vero che la virtù sta nel mezzo, ma ci dobbiamo anche rendere conto che siamo al Nord, vicino alle montagne, ma forse questo fa solo comodo quando si va a sciare… chissà?!

E che esprimere le nostre idee a volte è difficile, e rischioso. Mettiamo a nudo la nostra ignoranza. Discorsi da bar, già perchè a volte se ne sentono… gente che sicura di sè dice che la Terra è rotonda o che si può andare oltre c. E ne sono convinti, l’hanno sentito dire? lo immaginano? lo sanno? Ma loro te lo vendono come se fossero professoroni. E tu in silenzio pensi che sbagliano, e quando dici la tua verità, che poi è giusta… se non la sai argomentare bene, non è valida! Già E’ che viviamo in un mondo di apparenze, dove non conta la culutra o il contenuto… ma la forma.

Al contenuto c’è sempre tempo. E ‘ solo che non si trova più tempo per riempire tempi morti. Non si trova più tempo per una telefonata. Non si trova più tempo per sdrairsi sul letto a fare nulla. Non si trova più tempo per giocare. Non si trova più tempo per mangiare tutti assieme. Non si trova più tempo per ascoltare tutto un cd o anche solo la fine di una canzone. E poi vorremmo avere tempo per mettere contenuti.… ma quali?! se poi ci guardiamo attorno e scopriamo che i veri contenuti della vita ce li hanno chi forse dice piccole verità, ma nella sua umiltà le mette in pratica

“…ma voglio viverla cosi quest’avventura…”