fotografia e pittura

ottobre 14, 2009
tratta da Facebook.com dallalbum di Anna Sardi

tratta da Facebook.com dall'album di "Anna Sardi"

la fotografia è un paradosso… abbiamo in mente l’idea che colga l’attimo, l’istante! ma non è proprio così… Innanzitutto come definiamo istante? di sicuro non è il secondo, diciamo che è un infinitesimo piccolo a piacere. E quindi pensare alle foto come immagini di istanti non va bene, perchè ci sono i tempi di esposizione, magari sono decimi/centesimi di secondo, ma a volte sono periodi percepibili e notevoli. Così vediamo una foto, che è sì una sola immagine, ma ha in sè magari 1 secondo di realtà… curioso no?!

i quadri invece perdono questo fattore paradossale, anche nel tentativo di risultare dinamici, come quelli di Giotto, ritraggono un istante, quello sì! Ma in loro c’è un lavoro molto più lungo, molto più continuo. Eppure siamo soliti immaginare il quadro come la foto… no. Hanno una natura diversa. Hanno sentimenti diversi. Hanno colori diversi. Hanno tecniche distinte. Sono due strade per parlare della realtà e della percezione che ne abbiamo…qualunque sentiero che faccia sarà segnato dalla mia idea dalla mia sensibilità.

chi le ha inventate le fotografie… il fatto è che con l’era digitale le foto stanno perdendo anima. Cioè stanno migliorando tecnicamente, e quantitativamente… ed è questo il problema! ed è questo il dramma.. troppe belle foto e non possiamo scegliere, perchè è troppo ampio l’universo degli eventi. Farci un gusto è difficile, perchè a volte foto belle non sono perfette tecnicamente e così perdiamo la possibilità di imparare. E così spesso non ci rimane che rifugiarci nell’unica realtà, nella sola soluzione…ammirare la realtà istante dopo istante. Perchè il vero ricordo è quello nel cuore, quando idealizzi una persona, un luogo, un momento. Il resto è solo storia antiquaria!

“…I am a man of constant sorrow I’ve seen trouble all my day…”

Annunci

il mestiere dell’artista – 19

gennaio 11, 2009

La diciottesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si riparte da Cecioni e dalla sua figura. Continua poi la panoramica dei macchiaioli in Italia. Le loro tematiche, tecniche e storie. Si sottolinea cosa c’è dietro all’idea dei macchiaioli, al loro rapporto con al società e le sulle tematiche affrontate. Sulle dimensioni e sull’importante rapporto tra arte e realtà e l’intimo rapporto che intercorre tra le 2. Si parla della persona di Silvestro Lega.

puntata 19 (giovedi 8 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 18

gennaio 11, 2009

La diciottesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si parte da Medardo Rosso, dalle sue caratteristiche e riperocrrendo brevemente la vita. Si delinea il ritratto di un autore un po’ fuori dagli schemi, con le sue idee e le sue tematiche. Si parla anche dei macchiaioli, del loro rapporto con gli impressionisti. Molto sviluppato in Italia. Il mondo dei macchiaioli è descritto tramite Cecioni, scultore e scrittore critico.

puntata 18 (mercoledì 7 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 17

gennaio 8, 2009

La diciassettesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si parla dei monumenti bronzei legati al Vittoriano. “le cinque giornate di Milano” di Giuseppe Grandi. Opera con grandi tematiche dietro e di un artista molto apprezzato ai suoi tempi. Si parla anche di Medardo Rosso e la fine dell’arte dell’ottocento. Tutta la puntata è incentrata sulla scultura.

puntata 17 (martedì 6 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 16

gennaio 8, 2009

La sedicesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si riprende l’opera del Vittoriano, monumento celebre e visitato. Prodotto dell’arte ottocentesca, e non fascista come si pensa. Si ripercorre la sua storia e le polemiche correlate all’artista Sacconi.

puntata 16 (lunedì 5 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 15

gennaio 8, 2009

La quindicesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si parla ancora delle principali tematiche delal scorsa puntata. E poi si cita anche Guido Gozzano, poeta torinese. E della sua poesia “l’amico di Nonna Speranza”. E poi si parla del Vittoriano, monumento a Vittorio Emanuele II, prodotto della cultura ottocentesca. E poi il monumento alle  di Giuseppe Grandi.

puntata 15 (venerdì 2 gennaio 2009)


Il mestiere dell’artista – 14

gennaio 8, 2009

La quattordicesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si sottoliena di nuovo come sia importante che l’arte debba avere un carattere etico.  Si parla anche dell’opera di Hayez “Pietro l’eremita che predica la prima crociata”. Si parla delal critica di Massimo D’azeglio ne fa. Si confronta poi il quadro, il suo carattere storico e la sua dinamica nella narrazione

puntata 14 (giovedì 1 gennaio 2009 )