Moby Dick

dicembre 12, 2010

di Herman Melville

letto da Piero Baldini

riduzione e regia di Adelchi Battista

coordinamento di Fabiana Carobolante

introduzione e postfazione a cura di Mi chele Mari

puntata 1

puntata 2

puntata 3

puntata 4

puntata 5

puntata 6

puntata 7

puntata 8

puntata 9

puntata 10

puntata 11

puntata 12

puntata 13

puntata 14

puntata 15

puntata 16

puntata 17

puntata 18

puntata 19

puntata 20

puntata 21

Chi è moby Dick? una balena. No è qualcosa di più, non è solo un libro. E’ una battaglia epica tra l’uomo e se stesso. Tra l’uomo e la nautera e i suoi limiti. Non è certamente una lettura leggera, Melville non lo voleva. Non è nemmeno scontata, alla fine, a pensarci bene Achab combatte per l’umanità, per il suo orgoglio. Non è un romanzo, non siamo invogliati a leggerlo. Spesso vengono anticipati dettagli che ne riducono la curioistà. Ma allora cosa rimane oggi id questo libro?

Di sicuro la maestosità e l’imponenza. La trama narrativa. Il mito dei due eterni nemici, Achab e Moby Dick. Destinati a scontrarsi, e alla fine uno solo ne uscirà vincitore. Ma la grandezza del libro è che non ci fa immedesimare in loro, no. Ogni azione è filtrata da Isamaele, e così siamo spettatori di un duello apocalittico.

Achab ci insegna quanto il male, e la sofferenza siano dentro di noi, quanto la rabbia ci possa spingere. Non si dà un giudizio morale, è troppo semplice. Achab combatte perchè non ha altra scelta.

Achab è al di sopra del normale

Sembra assurdo, ma alla fine è così. Il vero antagonista, il vero personaggio negativo è proprio colui che, in fondo, ci rispecchai di più. Alla fine è proprio il vecchio capitano a farci appassionare. Certo istintivamente vogliamo che Moby Dick vinca lo scontro, ma sappiamo già come andrà a finire. Lo sanno anche loro, dopo che sono partiti.

Spero che la lettura da “Il terzo anello, ad alta voce”, di Radio 3 possa invogliare e alleggire in qualche maniera la fruizione di questo capolavoro, che dovrò, prima o poi leggere per intero.

Annunci

il mestiere dell’artista – 19

gennaio 11, 2009

La diciottesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si riparte da Cecioni e dalla sua figura. Continua poi la panoramica dei macchiaioli in Italia. Le loro tematiche, tecniche e storie. Si sottolinea cosa c’è dietro all’idea dei macchiaioli, al loro rapporto con al società e le sulle tematiche affrontate. Sulle dimensioni e sull’importante rapporto tra arte e realtà e l’intimo rapporto che intercorre tra le 2. Si parla della persona di Silvestro Lega.

puntata 19 (giovedi 8 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 18

gennaio 11, 2009

La diciottesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si parte da Medardo Rosso, dalle sue caratteristiche e riperocrrendo brevemente la vita. Si delinea il ritratto di un autore un po’ fuori dagli schemi, con le sue idee e le sue tematiche. Si parla anche dei macchiaioli, del loro rapporto con gli impressionisti. Molto sviluppato in Italia. Il mondo dei macchiaioli è descritto tramite Cecioni, scultore e scrittore critico.

puntata 18 (mercoledì 7 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 17

gennaio 8, 2009

La diciassettesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si parla dei monumenti bronzei legati al Vittoriano. “le cinque giornate di Milano” di Giuseppe Grandi. Opera con grandi tematiche dietro e di un artista molto apprezzato ai suoi tempi. Si parla anche di Medardo Rosso e la fine dell’arte dell’ottocento. Tutta la puntata è incentrata sulla scultura.

puntata 17 (martedì 6 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 16

gennaio 8, 2009

La sedicesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si riprende l’opera del Vittoriano, monumento celebre e visitato. Prodotto dell’arte ottocentesca, e non fascista come si pensa. Si ripercorre la sua storia e le polemiche correlate all’artista Sacconi.

puntata 16 (lunedì 5 gennaio 2009 )


Il mestiere dell’artista – 15

gennaio 8, 2009

La quindicesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si parla ancora delle principali tematiche delal scorsa puntata. E poi si cita anche Guido Gozzano, poeta torinese. E della sua poesia “l’amico di Nonna Speranza”. E poi si parla del Vittoriano, monumento a Vittorio Emanuele II, prodotto della cultura ottocentesca. E poi il monumento alle  di Giuseppe Grandi.

puntata 15 (venerdì 2 gennaio 2009)


Il mestiere dell’artista – 14

gennaio 8, 2009

La quattordicesima puntata del ciclo “Alle otto della sera”, si sottoliena di nuovo come sia importante che l’arte debba avere un carattere etico.  Si parla anche dell’opera di Hayez “Pietro l’eremita che predica la prima crociata”. Si parla delal critica di Massimo D’azeglio ne fa. Si confronta poi il quadro, il suo carattere storico e la sua dinamica nella narrazione

puntata 14 (giovedì 1 gennaio 2009 )