la prima luce

tratta da facebook.com dall’album di “Gabriele Panzia Oglietti”

la prima luce. quando è stato creato l’universo, nella grande esplosione, è uscito un primo raggio di luce. così nelle nostre giornate talvolta la luce che ci illumina arriva da lontano. Mi ricordo quando prendevo appunti sul libro, se scrivevo ‘da non fare’ quello era un segnale per il dopo, e dovevo fidarmi di me. la prima luce di ogni giorno passa dalla finestra, dalla luce sul soffitto, dalla sveglia che suona. la prima luce della vita forse non l’hai ancora vista.

ci vuole poco a sbagliare. ci vuole molto di più a riparare. il problema non sono tanto le situazioni reversibili, ma quelle non localmente reversibili. pensateci. quando qualcuno ci delude in profondità, sul momento sappiamo che nulla potrà mai far tornare indietro la siutazione. e l’intervallo di tempo può anche durare anni, poi però anche solo un evento può riportare la situazione all’equilibrio precedente. nulla è perduto, ma non sempre abbiamo potere su tutta la nostra vita.

oscurare il sole. un puntino nero attraverso quell’enorme palla di luce. nessuno si accorge di un po’ di ombra, nessuno si lamenta se è solo un po’ più buio. forse, in fondo, la vita va lo stesso avanti. ma sapere che la luce ci sarà per sempre fin che io vivrò mi dà sicurezza, sapere però che finirà mi fa pensare che in fondo tutto passa. nulla è eterno, se non il concetto di divenire.

“…voleva andarsene come un areoplano…”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: