non sapere di vincere

tratta da flickr.com dall'album di "HOLLi*"

nessuno di noi si ritiene fortunato. ci diciamo sempre che la fortuna gira solo per gli altri e mai per noi. e il bello è che a chiedere agli “altri” nemmeno a loro le cose vanno bene. nessuno è ami felice. Alle volte il mondo è perfetto, ma quelle sono rare eccezioni, momenti che poi passano, nel bene e nel male. l’unica grande verità è che siamo affossati da questo enorme peso che è la vita. tutto sembra franarti addosso, e solo a te. ti senti al centro del tuo mondo e non capisci che in realtà anche l’altro se la passa male, se non peggio. così è la vita e tu ci puoi far ben poco se non incassare la maggior parte delle volte e poi ogni tanto sferrare qualche colpo. alla fine ne uscirai sconfitto, come sempre…ma almeno hai lottato con intelligenza. pronto a nuove sfide, che magari vincerai.

alle volte capita di vincere la lotteria e di non saperlo. capita di camminare per strada e quello dietro di te ti salva la vita. capita che le cose vadano bene a te, ma lontano da te. il fatto è che non ce ne rendiamo conto, siamo troppo concentrati a vedere le cose vicine. miopi. e ci perdiamo spesso i colpi migliori. altre volte ci sembra che il biglietto che ci è capitato più che una vittoria, sia una sconfitta, ma anni dopo non sarà più così. la difficoltà nel valutare un’azione è nel rapportarla al tempo. non possiamo volere solo cose negative oggi e positive domani, andando avanti così ci saremmo privati di una fetta della nostra, se non tutta. come nemmeno possiamo volere solo cose buone subito, alla lunga ci farebbero solo male. equilibrio.

“da quant’è che non ascolti un disco?” già. ci sono dei piaceri di cui ci priviamo troppo spesso perchè ci sembrano inutili o non sappiamo trovargli tempo. non sappiamo che le cose vanno male punto e basta. non sappiamo che non saranno quei cinque dieci minuti a cambiare l’esito del mio futuro, sopratutto se è per un lavoro. dare il massimo ma ottimizzando, perchè a usare tutto il tempo finisci che sei poco produttivo, mentre invece a usarne poco dai il massimo(ma potevi fare di più…)! è ciò ceh ci è ignoto, da sempre. per sempre.

“…e forse un giorno lo capirai…”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: