Sulla strada

ho appena finito di leggere “Sulla strada” di Jack Kerouac. E’ stato un viaggio davvero bello, ve lo consiglio.

La trama non è fondamentale, non è quello il nucleo centrale della narrazione. Ciò che davvero lascia senza parole sono le diverse realtà che si incontrano. Spesso la gente dice che ama viaggiare e conoscere diverse culutre, poi però va a mangiare la pasta all’estero. Ecco. Il concetto chiave del libro è che non ti inegna come viaggiare e come sentirti libero. Te lo racconta, che è ben diverso.

Questi giovani che vengono ritratti in viaggio, sempre in cerca di qualcosa di nuovo, di irraggiungibile, che nemmeno loro sanno cosa. E’ sì il ritratto della Beat Generation, ma è pure il ritratto di tanti di noi. Un non sentirsi mai arrivati e soddisfatti. Un voler sempre provare emozioni forti. Capire che la routine non è vita per noi. Che il viaggio è ciò che conta. Che scorrazzare liberi su macchine masticando asfalto. Vedendo città lontante e sconosciute. Essere inquieti. Pensare che se domani il mondo finisce non ho vissuto appieno, e rendersi poi conto che questa voglia di vivere e sentirsi vivi deve poi cessare.

Il ritratto che fa dell’america di fine anni ’40 è a dir poco stupendo. Realistico, fotografico. Con un solo criterio, che trasmetta emozione. La poetica è quella, che tu possa sentirti seduto in quella macchina. A respirare quell’aria, a vedere quei luoghi. A sentirti anche tu continuamente precario, senza meta ma con tutto il mondo davanti. Non avere vincoli.

La sequenza più bella di tutto il libro è quando, in viaggio in Messico, si trovano immersi nella natura. A vedere alberi, cieli stellati e tramonti mozzafiato. Eccoli. Arrivati al culmine di quel loro viaggio emozionale, ma volendo ripartire.

Concludendo, ho trovato tantissime analogie con i giovani di oggi. Con certi discorsi che sentiamo. Con certe realtà con cui sono a contatto. Il fatto è che pur essendo passati sessant’anni, l’inquietudine che ci sentiamo dentro è sempre la stessa. E non cesserà mai, se non viaggiando, se non sentendoci su un filo. Il problema è che il tempo passa e prima o poi bisogna rendersi conto che non si può sempre viaggiare come si faceva in passato, bisogna cambiare. e fa paura.

Annunci

One Response to Sulla strada

  1. lordbad ha detto:

    Non possiamo restare indifferenti in quanto generazione!

    Mi è piaciuto questo post!

    Noi di Vongole & Merluzzi stiamo seguendo in diretta letteraria un viaggio alla ricerca di un padre della letteratura della beat generation: FERLINGHETTI.

    http://vongolemerluzzi.wordpress.com/2011/03/22/i-diari-di-san-francisco/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: