la banda dei babbi natale

Ieri sono andato al cinema a vedere il film “La banda dei babbi natale”, mah. Aldo Giovanni e Giacomo tornano al cinema dopo “il cosmo sul comò”. Sinceramente non sono uscito di sala entusiasta del film, certo non mi è dispiaciuto e qualche risata me l’ha fatta fare, però…

1. La narrazione è troppo a singhiozzo, troppa alternanza dei flashback narrativi. Inoltre la storia è molto povera, nel senso che le tre storie dei protagonisti si intrecciano sfiorandosi appena(non come in “così è la vita”).  E inoltre risultano essere caratterizzati in maniera grossolana, troppo caricaturali. Ok, ci può stare che si voglia fare apposta, ma ciò non toglie la critica.

2. effetti speciali, per quel poco orribili. la neve è oscena, davi ad un bambino il programma per farla e te la faceva meglio.

3. si salva il Cast, grandi attori e buona recitazione. Il made in Italy doc. è sempre piacevole. Una delle poche note positive.

4. musiche, dopo gli esordi la qualità musicale dei film è calata in maniera vertiginosa, basti pensare a “tre uomini e una gamba”, a “chiedimi se sono felice” e “così è la vita”. Capolavori dal punto di vista di musica, sempre italiana e soprattutto di qualità.

5. i picchi drammatici sono ridotti all’osso, ad un’unica scena. Che comunque fa un po’ sognare qualcuno.

Concludendo penso che Aldo Giovanni e Giacomo siano validi artisti, e dei buoni comici. Non sempre le due cose messe assieme funzionano. Quando non sei nessuno cerchi di stupire, il rischio di sedersi c’è. L’impostazione a singole gag è vincente, ciò che però fa la differenza è come si possano cucire tra di loro, più la narrazione è fluente e scorrevole, meno lo spettatore noterà l’intervallo tra l’una e l’altra. Il che non vuol dire una risata lunga 1 ora, ma semplicemente che la gag sia contestualizzata talmente bene nella scena e nel personaggio che pare quasi naturale che lui si comporti così.

Il più grande punto a favore rimane, su tutti, l’assoluta mancanza di volgarità idiota, non come altri film del periodo. Non ci sono doppi sensi o sederi in mostra. Puntare su Angela Finocchiaro e non su Belen Rodriguez di sicuro screma certo pubblico già alle casse. Per fortuna.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: