da questa parte

era quattro anni che non vedevo quella scena da là. Era quattro anni che evitavo quell’addio, quella sensazione, quello star male di sapere di poter esser là ma dover tornare. che poi alla fine la trisezza ti avvolge comunque su come giù. Essere vuoti per qualcosa che ti hanno lasciato. Trovarsi cambiati dentro a forza di mangaire assieme, parlare e soprattutto esserci. Fermare il tempo per un po’, cercare di essere più lontano possibile da tutto. Non avere tempo per riposarsi. Forse questo ti devasta, ma dentro, alla fine, ti fa rinascere. Non oggi, nè domani… ma sei sicuro che le forze per ricominciare le hai.

era solo quel finale che non mi piaceva, troppo poetico. C’era qualcosa di irreale di fittizzio, come l’idea che un ultimo addio esista. Non sai mai qual è la sera giusta per vedere le stelle. Sai che lo devi fare almeno una volta. Stare in silenzio fermo a guardare tutto. a farti piovere addosso quelle luci da lontano. C’era la luna una volta, vero. Ma che fine ha fatto? Scomparsa, non c’è. solo il cielo buio con le sue stelle. Con i nostri sogni realizzati e infranti nel cuore…

c’è un punto di fusione tra la tragedia e la commedia. Tra le risate e la drammaticità degli eventi. Tra il bene e il male. A volte ti rendi conto che stai attraversando quella linea, e che non puoi tornare indietro. Soltanto stare là cove ora ti trovi. Capire qual è il tuo genere ti porta ad esprimerti al meglio, ad andare oltre i limiti.  Ma lo spettacolo non può finire, si è cambiata sceneggiatura. O semplicemente è solo un lato della medaglia. Ora ci faranno vedere cosa accade nell’altra stanza sapremo e finalmente capiremo. Già!  ma è il pubblico a capirlo, non gli attori….

“…e anche se in giro c’è qualcun altro che vale più di me…”

Annunci

One Response to da questa parte

  1. Gabbo ha detto:

    Penso che il vuoto che si prova a fine Vinadio non esista. Quello che si prova in verità è lo smettere di riempirsi. Perchè passi due settimane a riempirti il cuore di tutto, e quando smetti sei più pieno di prima. La sensazione di vuoto nasce dal desiderio di volerne ancora perchè, come tutte le cose piacevoli, dà assuefazione, crea dipendenza.
    Il vero vuoto è la mancanza di alcuni mattoni dalla tua vita. Quelli per cui sai che ci voleva un bello spazio, quelli per cui (anche involontariamente) avevi creato uno spazio. Ma il mattone te lo sei perso. Al posto di quei buchi vuoti hai posto una pezza lunga 3 mesi. È una pezza diversa, non calza bene in quei buchi che avevi preparato meticolosamente, ma è comunque una novità nel tuo muro. È un riempimento puramente estetico, perchè sotto sai che ci sono ancora gli spazi per i mattoni che ti sei perso. È a quel punto senti il vuoto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: