Lo spettacolo della vita

Buionessuno in scena! Il sipario è chiuso e il pubblico sta aspettando. Come quando c’è attesa per un momento unico e indimenticabile. E’ la vita. Si arriva semrpe qualche minuto prima. E poi si aspetta…e appena scatta l’ora X allora tutto il corpo inizia a fremere. Ogni secondo di ritardo è un tormento. L’attesa ti distrugge. Spesso ci troviamo ad attendere per lungo tempo e a non sopportare pochi minuti di ritardo. Forse ci roviniamo le grandi occasioni con l’attesa spasmodica.
Ci imamginiamo tutto. Come deve essere, ogni singolo particolare è nella nostra mente. Dal colore delle tende, fino alle battute che tutti dovranno dire. Quello che attendiamo deve essere il nostro momento. Tutto dovrà essere perfetto… ma poi non è mai perfetto come lo pensiamo noi, è diverso e allora le cose iniziano a non andarci più bene.

Lucisi inizia a recitare! A ciascuno la sua parte. Chi fà il buono… chi è il cattivo… chi il giullare, chi lo stolto e chi l’aiutante. Nessuno però ha un ruolo fisso. Varia: da situazione a situazione. Cambia. E tu non hai più certezze. Diceva una canzone di Gaber “a scuola ai bravi un premio ai cattivi la punizione,ma in seguito nella vita è meno chiara la situazione...” e c’aveva ragione. Perchè la nostra vita non segue generi precisi. E’ un misto. Passiamo dalle commedie più esilaranti, ai drammi Shaksperiani, fino a situazioni dell’assurdo! Ma d’altronde il regista è uno che ci sa fare.

Buiofine primo tempo! C’è tempo per riposarsi e schiarirsi le idee. Quà, invece, è solo a teatro. Perchè per nessuno di noi c’è riposo. PErchè il pubblico non si stanca mai di giudicare e di applaudire, se lo ritene. Strano no… non ci viene mai data la possibilità di ripassare la parte. Di renderci conto se la nosta performance è accettabile, già…perchè si vive una volta sola! e non c’è tempo per le prove e a ogni errore si deve porre rimedio.
E forse è per questo che a volta cerchiamo un po’ di solitudine. Già, proprio quella che ci fa tanta paura, che fuggiamo come meglio possiamo, ma che prima o poi arriva…passa e lascia i suoi frutti! i suoi insegnamenti.

Lucisi torna in scena! Ogni situazione deve finire…e in bene o in male finirà! Il fatto è che ora si lascia tutto all‘improvvisazione e non ci viene detto quando finirà il copione…perchè la vita non ci viene detto quando finisce. E fino all’ultimo siamo noi a recitar la nostra parte. A tenere su lo spettacolo. Se non ci fossimo noi, con le nostre vita forse lo spettacolo non avrebbe più senso.
Non è importante chi siamo veramente, ma cosa contiamo per gli altri. Forse è difficile spiegare ad una persona quanto lei sia una guida per noi. Sapere che c’è, sempre e comunque…Rendersi conto che non siamo soli. E’ questo il segreto.

Buioapplausi e saluti finali. Entra anche in scena il regista! Perchè il merito è suo…è tuo…è vostro

“…Rotta per casa di Dio e siam già là con la testa….”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: